Il ricordo di te

23.1.17 Cinzia- Giorgio, ti voglio ricordare così, con il tuo sorriso e la tua immensa voglia di vivere, con il tuo aspetto da artista “scapigliato”, con quell’accento esotico che ci faceva ridere e il tuo grande amore per gli animali. Quanti anni sono passati Giorgio dal nostro primo incontro, in cui abbiamo formato un gruppo di furetti che si è voluto autenticamente bene, tant’è che siamo insieme tutt’ora, quanto amore per questi animali e quanto aiuto alle persone.   Giorgio, tu con gli anni non sei cambiato, e di te mi ricordo la gentilezza, la bontà d’animo e la fedeltà, non solo come uomo, ma da vero idealista sei rimasto lo stesso, anche da imprenditore. Quando ci siamo ritrovati dopo anni, è sembrato che quella pausa non ci fosse mai stata, stesso affetto, entusiasmo e voglia di fare.    La tua storia mi ha fatto capire quanto sia importante il tempo, perché si pensa di averne tanto… anche tu forse avrai rimandato chissà quante cose da fare, e  ti viene in mente quella telefonata, quel gesto, quell’azione che avresti voluto fare.    La tua vicenda Giorgio, mi ha insegnato che improvvisamente di tempo non ce n’è più, che resta solo un concetto astratto e che l’unica certezza è il presente e la qualità delle relazioni che coltiviamo. Anche se fisicamente non ci sei più, Giorgio, sei e sarai sempre con noi, a darci la forza per andare avanti.   La tua risata, le tue battute che hanno sdrammatizzato i momenti peggiori, ci faranno compagnia, così ogni giorno ci ricorderemo di te.